Ascensori rotti in stazione

 

Il campione degli Sharks deve lasciare la squadra

 

Gli ultimi metri di ogni gara  sono sempre i più duri. Lo sta scoprendo a proprie spese Alessandro Mìsitì, impossibilitato a prendere parte agli allenamenti degli Sharks Monza per via di un ascensore da tempo fuori servizio, quello della stazione di Monza.

 

Gli Sharks sono una delle formazioni italiane più forti di hockey in carrozzina. In questa stagione sono arrivati quarti nel campionato di serie Al. La società ha anche una formazione che milita in A2. L’inconveniente “ferroviario” impedisce intanto ad Alessandro, 30enne residente a Torino, di coprire il residuo tratto di percorso che dal capoluogo piemontese porta alla palestra della scuola Bellani in via Silvio Pellico.

 

Dopo 149 chilometri Un’inezia, rispetto ai 149 chilometri che separano Monza da Torino. Perché Alessandro, dopo essersi lasciato alle spalle senza particolari problemi il tragitto in treno tra la città della Mole e il capoluogo brianzolo, in stazione è bloccato irrimediabilmente da una scritta lampeggiante che segnala come l’ascensore sia fuori servizio.