IL DECRETO 20 MAGGIO 2020 – I punti principali dell’ordinanza del governo che fissa altri divieti: non sarà possibile andare sulle piste ciclabili e a fare una corsa. Stop ai trasferimenti nelle seconde case. Intensificati i controlli e i posti di blocco.

In attesa del prossimo 25 marzo 2020, quando dovrà essere rinnovato il decreto firmato dal presidente del Consiglio, che ha deciso di chiudere in tutta Italia bar, ristoranti e negozi consentendo le uscite soltanto per «comprovate esigenze di lavoro e familiari».